La Primapagina di Paviameteo, aggiornata Venerdì 19 Aprile 2024, a cura di Tommaso Grieco

 

Fine settimana quasi stabile e piuttosto fresco!

 

Le immagini dal satellite meteosat

Un cordiale buongiorno a Voi lettori e buon inizio di week-end.

Il venerdì di ieri è scivolato via all’insegna della variabilità, con ampi sprazzi assolati alternati ad intensi addensamenti cumuliformi; questi ultimi hanno apportato rovesci sparsi in Lomellina, specie tra Robbio, Vigevano e Tromello. Qualche piovasco è stato registrato anche sul versante orientale dell’Oltrepò, mentre Pavia è rimasta all’asciutto. Proprio in città, gli estremi termici hanno oscillato tra i 7.4°C di minima ed i 14.4°C di massima.

Che cosa accadrà nel corso di questo fine settimana?

L’Anticiclone delle Azzorre, ben piazzato sul vicino Atlantico, promuove la discesa di nuclei d’aria più fresca ed instabile dal mare del Nord. Essi subentrano a fasi alterne anche sulla nostra provincia, dando vita a qualche spunto d’instabilità.

Durante questo fine settimana il tempo permarrà caratterizzato allora dal solito avvicendamento tra sole e nubi: non ci sarà grande rischio di piogge, ma il dato significativo sarà costituito dal campo termico, poiché le temperature permarranno su valori piuttosto freschi, specie se paragonati a quelli estivi dello scorso fine settimana!

Ed anche per l’inizio della prossima parrebbe plausibile credere nella discesa di aria ulteriormente più fredda, stavolta dai quadranti nord-orientali. Tale affondo potrebbe porre le basi per una certa ciclogenesi mediterranea, la quale ci regalerebbe giornate variabili ed a rischio rovesci.

Per ora, non si intravede la possibilità né di ondate di calore premature né di franchi ingressi perturbati atlantici (questi ultimi, forse, arriveranno per il ponte del 25 Aprile…).

Che dire, godiamoci questo venerdì all’insegna di una relativa stabilitò e, a Dio piacendo, noi ci risentiremo durante l’appuntamento atteso per la prossima notte.

Buona giornata!


Il Bollettino di Paviameteo, valido per Pavia e provincia. Previsioni a cura di Tommaso Grieco

Venerdì 19 Aprile 2024

Mattina Pomeriggio Sera

Nella notte ed al mattino cielo sereno o poco nuvoloso: aria frizzante. In giornata avremo nubi sparse di passaggio, ma senza la minaccia di precipitazioni. Nella sera cielo nuovamente poco nuvoloso.

Temperature: min in ulteriore diminuzione, tra 2°/5°C, max in aumento, attorno a 17°/20°C.

Zero termico: attorno ai 1800m.

Venti: tra deboli e moderati da SW, con raffiche in valle Staffora.

Sabato 20 Aprile 2024

Mattina Pomeriggio Sera

Nella notte ed al mattino cielo sereno o poco nuvoloso, con qualche addensamento di passaggio. Nel pomeriggio tempo prevalentemente assolato, ma sull'est della provincia potrà esserci occasione per qualche annuvolamento di poco conto. Nella sera poche nubi ovunque.

Temperature: min in aumento, tra 5°/8°C, max stazionarie, attorno a 17°/20°C.

Zero termico: attorno ai 1600m.

Venti: moderati da NORD, con probabili effetti favonici.

Domenica 21 Aprile 2024

Mattina Pomeriggio Sera

Nella notte ed al mattino cielo poco nuvoloso. In giornata tempo maggiormente variabile, stante la formazione di nubi cumuliformi sui rilievi dell'Oltrepò, ove potrà esserci occasione per qualche isolato piovasco.

Temperature: min in lieve diminuzione, tra 4°/7°C, max stazionarie, attorno a 17°/20°C.

Zero termico: attorno ai 1500m.

Venti: deboli variabili.

Tendenza successiva

All'inizio della prossima settimana l'ingresso di fredde correnti nord-orientali potrebbe porre le basi per un ulteriore calo delle temperature, tra l'altro condito da condizioni più instabili, stante una possibile ciclogenesi poco distante dal mar Ligure (da rivedere e confermare).



Caduti oltre 110mm su gran parte della provincia
Se vedi questo articolo in primapagina, CLICCA QUI

E' questo il peggioramento più intenso da inizio anno!E’ passata solo una settimana dalla stesura dell’articolo nel quale parlavamo di piogge record: tra il 24 ed il 25 Ottobre, infatti, parlammo della perturbazione che portò 10mm il 24 e 72.2mm il 25.

Oggi siamo di nuovo qui a commentare l’intensa fase di maltempo che da Sabato 30 sta interessando vaste aree del nord-Italia.

In Toscana si sono verificate tragiche frane, mentre in Veneto le precipitazioni abbondanti e persistenti hanno fatto esondare il Bacchiglione nel vicentino, il Frassine nel padovano, l’Alpone ed il Trampigna nel veronese.

La situazione probabilmente più seria è quella di Vicenza, dove il 30% del territorio urbanizzato è stato raggiunto dalle acque del Bacchiglione: il Sindaco della città, Andrea Variati, ha emesso l’ordinanza di chiusura delle scuole per la giornata odierna. Chiusa anche il tratto di A4 che collega Verona e Vicenza.

Allagamenti e smottamenti si sono registrati anche in Lombardia: il Seveso e il Lambro sono temporaneamente esondati a Milano, mentre il Chiese e' uscito dagli argini nel bresciano.

in Friuli Venezia Giulia, soprattutto in provincia di Pordenone, la regione ha dichiarato lo stato di emergenza.

in Emilia Romagna, dove e' scattata l'allerta per i fiumi Enza e Secchia, il Po è cresciuto di 2,5 metri nella sola giornata di ieri.

Questa è sinteticamente la situazione nelle regioni del centro-nord maggiormente colpite dal maltempo.

Per quanto riguarda la nostra provincia, abbiamo registrato accumuli complessivi superiori ai 100mm!

In modo particolare, l’area tra Vidigulfo, Magherno, Zeccone e Pavia, è stata presa in pieno dalle precipitazioni più intense, sospinte da vigorose correnti di Scirocco, che hanno tra l’altro fatto impennare le temperature: meno interessate le aree del Siccomario e della bassa Lomellina, specie tra Pieve del Cairo, Mezzana Bigli e Scaldasole.

In Oltrepò si sono superati i 100mm complessivi un po’ ovunque, con la val Tidone, l’alta valle Staffora, la valle Ardivestra e la val Versa che hanno registrato le precipitazioni più intense: notevoli anche gli oltre 80mm di ieri a Schizzola, frazione di Borgo Priolo, ai piedi dell’Oltrepò.

Per la città di Pavia, sia Domenica 31 Ottobre che Lunedì 1° Novembre entrano nella classifica dei giorni più piovosi dal Gennaio 2000 ad oggi: in particolare, Domenica 31 si piazza nel “top 20” al 16°mo posto, mentre il lunedì di ieri si piazza nella “top 13”, al 4° posto, vicino alla zona podio!

Ecco le due classifiche: dapprima la "top 13", più in basso l'estensione con la "top 20":

Top 13 dei giorni più piovosi del nuovo millennio: il 2010 entra prepotentemente!

Estensione della classifica "top 13" a "top 20"


Con i 44.2mm del 31 ed i 66.4mm del 1° Novembre (oltre ai millimetri che si stanno accumulando), questo peggioramento risulta essere il più intenso da inizio anno.

Insomma, abbiamo vissuto e stiamo vivendo un periodo decisamente ricco di precipitazioni, probabilmente troppe ed ancora una volta concentrate in pochi eventi: basti pensare che gli oltre 270mm accumulati dal 1° Ottobre ad oggi sono stati registrati in soli 4 eventi perturbati.

Per dirla breve, sembrano passati i tempi in cui facevamo i conti con svariate giornate da 2mm di pioggia ciascuna: ora i fenomeni si concentrano e si estremizzano, in accordo con le caratteristiche del cambiamento climatico che stiamo vivendo.

Ma che succederà nel corso di Novembre?

Bisognerà prestare attenzione alla possibile discesa del Vortice d'Islanda, che nel corso della settimana andrà intensificando la sua azione sulle isole Britanniche. Un suo tentativo di sfondamento ad ovest del Continente potrebbe aprire la strada verso un nuovo e sensibile peggioramento tra il 9 ed il 12 Novembre.

Ci aggiorneremo.

Commenti offerti da CComment